Grazie Mario perché ci liberi dal fantasma della cucina di mamma, di zia, della signora affianco, della portiera del palazzo. Perché ci fai provare il gusto squisito dell’infedeltà al dogma alimentare, della contaminazione felice della tradizione. Tanto più felice a Napoli dove la ristorazione è oppressa da un riferimento ostinato e conservatore al gusto di […]